Ortodonzia

Affiancata alla tradizionale tecnica ortodontica è possibile riallineare i denti con il metodo invisibile Invisalign.

Disturbi dell’ATM (articolazione temporo-mandibolare)

La mandibola è connessa alle ossa del cranio per mezzo delle articolazioni temporo-mandibolari. Il movimento di tali articolazioni, in tutto e per tutto simili a qualsiasi altra articolazione del corpo. E’ possibile paragonare le due articolazioni temporo-mandibolari, destra e sinistra, ai cardini di una porta: la mandibola si apre e si chiude ruotando attorno a questi cardini.
In realtà è solo una semplificazione, in quanto il movimento mandibolare è assai più complesso, in quanto la mandibola oltre a ruotare attorno alle articolazioni può anche spostarsi in avanti e lateralmente.
I vari componenti del sistema, che rendono possibili tutti questi movimenti, e che lavorano in maniera coordinata, sono: il disco articolare, i muscoli masticatori e i legamenti. Un problema ad una qualsiasi di queste strutture può portare ad un disturbo dell’ATM
I disturbi all’ATM possono provocare sintomi anche molto diversi, quali:

Tali disturbi sono più frequenti nelle donne; possono comparire anche in giovane età e continuare fino alla mezza età.
Non sempre è possibile determinare l’esatta causa dei disturbi all’ATM. Comunque, uno dei fattori che si ritiene essere la principale causa eziologica è il sovraccarico dei muscoli masticatori, che si può verificare in particolari condizioni di stress sia fisico che mentale. Altri fattori aggravanti possono essere il digrignamento e il serramento dei denti (bruxismo), traumi, artrite, problemi di occlusione ed altri problemi dentali o una combinazione di fattori.
Il bruxismo è l’abitudine a digrignare i denti involontariamente e/o stringerli con forza (serramento) per periodi prolungati. E’ più frequente negli adulti, ma può insorgere anche nei bambini. Si verifica sopratutto nel sonno.

Per alleviare i disturbi dell’ATM è consigliabile:

Trattamento

Identificato il problema, sulla base dei sintomi ed eventualmente di radiografie, di modelli e di altri esami, il vostro dentista potrebbe consigliarvi un apparecchio mobile detto “bite”. Il bite è un apparecchio rimovibile costruito in maniera da adattarsi perfettamente alle arcate dentarie, da utilizzare soprattutto durante la notte:

Altre volte invece, porrebbe essere necessario modificare l’occlusione con un trattamento ortodontico o con corone, intarsi, otturazioni o altri restauri protesici. Nei rari casi in cui i vari trattamenti non abbiano ottenuto risultati soddisfacenti, e l’ articolazione sia seriamente compromessa, potrebbe essere indicato un trattamento di tipo chirurgico. In molti casi, il dolore, il mal di testa e gli altri sintomi associati ai disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare, possono migliorare rapidamente se trattati precocemente.

Pulizia e cura del bite: